Calcio ItaliaInter

Inter, Lukaku chiede scusa e Lautaro rifiuta l'Arabia Saudita

L’Inter non perdona Romelu Lukaku. Il belga sta provando a far cambiare idea alla società di Viale della Liberazione ma la risposta è stata un no secco. Dirigenza e spogliatoio hanno bocciato i suoi comportamenti. Il suo ex compagno di squadra Lautaro, invece, rifiuta la destinazione araba.

Inter, muro per Lukaku: ecco la situazione

Steven Zhang è deluso dai comportamenti avuti dal belga. Il presidente dell’Inter era disposto a fare un sacrifico economico importante pur di riportarlo a Milano. In queste ore Lukaku sta provando a ricucire i rapporti con la dirigenza e lo spogliatoio ma tutto sembra essere compromesso.

Il racconto de La Gazzetta dello Sport: “Il muro è alto, altissimo, stavolta invalicabile. Perché il telefono, Lukaku, avrebbe dovuto usarlo nei modi e nei tempi corretti. Adesso non ha più senso, quel che sta provando a fare chi gli sta intorno, ovvero tentare di capire se c’è lo spazio per ricucire, per rimettere insieme i pezzi del puzzle. E invece no. E invece è tutto per aria. Tanto che si può raccontare anche un retroscena, legato agli ultimi giorni: lo spogliatoio dell’Inter è fortemente indispettito con l’ex compagno. E non accetterebbe il rientro del belga nel gruppo”.

Inter, Lautaro pensa solo ai nerazzurri

Discorso completamente opposto per Lautaro Martinez. L’argentino ha sposato la causa nerazzurra e adesso, con la fascia di capitano, sente di avere maggiori responsabilità. L’Arabia Saudita ha bussato alla sua porta e gli ha messo davanti un contratto super-ricco. Si parla di 60 milioni di euro a stagione per quattro annate. Una cifra pazzesca ma Lautaro ha in testa solo i nerazzurri.

Il Toro adesso è il simbolo di questa nuova Inter. L’obiettivo è quello di vincere lo scudetto numero 20 e di essere ricordato come il capitano della seconda stella. I nerazzurri, per chiarezza, hanno fato sapere che per Lautaro Martinez servono come minimo 150 milioni di euro.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio